Parola d'ordine: andare oltre

13 aprile 2018

  

Sintesi

Con questo articolo inauguro una nuova rubrica del mio blog dedicata alle aziende, e più in generale, a tutti coloro che nonostante le numerose difficoltà di cui si parla in continuazione per chi vuole fare impresa in Italia, hanno scelto di rimanere nel nostro Paese. Aziende che dimostrano con il loro operato che è possibile portare avanti con successo un business.

 

Questa rubrica nasce per un motivo ben preciso. Nel mio lavoro quotidiano di consulente di marketing, ed in particolar modo nella mia formazione di marketing, trovo con facilità riferimenti ed esempi di realtà straniere da cui prendere esempio.

La realtà è che l’Italia è piena di innovatori come Steve Jobs, di aziende che forse non hanno la notorietà di Apple o Google, ma che non hanno nulla da invidiare ai colossi statunitensi in fatto di visione aziendale ed innovazione.

Gli innovatori

Personalmente divido gli imprenditori in due grandi categorie. Da un lato ci sono gli innovatori e dall’altro i conservatori. Gli innovatori sono quelle persone che hanno compreso che un business nel corso del tempo deve evolvere. Che ricerca, formazione, visione aperta sul futuro sono gli ingredienti della ricerca del successo.

L’innovatore è colui che è consapevole che deve crescere prima di tutto come persona. Coltivare la propria visione del mondo, una visione aperta e pronta ad essere stimolata da qualsiasi tipo di informazione.

L’innovatore viaggia, è aperto al mondo, consapevole della propria identità sa che culture differenti affrontano il medesimo problema da prospettive differenti che ci permettono di fare il così detto salto di paradigma (puoi leggere a riguardo l'articolo "Mancanza di tempo? Forse non metti a fuoco!" e l'articolo "Perché un buon leader deve leggere libri di fantascienza").

Non importa la dimensione del business. Questo approccio "di vita" vale sia per il libero professionista che per la piccola azienda artigiana, come per la realtà che presento oggi: la Breton SpA.

Ducati: Fortitudo mea in levitate

I conservatori

I conservatori invece sono quegli imprenditori che fondamentalmente "amano" rimanere là dove sono. Sono persone che concepiscono il loro modello di business in modo statico. Sono persone la cui cultura imprenditoriale è legata più al fare, al "tanto lavoro".

Sono di fatto vittime del loro bagaglio culturale. Mi trovo spesso a confrontarmi con potenziali clienti la cui difficoltà di ascoltare i miei consigli di marketing, è legata al fatto che "hanno sempre fatto così".

Il nostro bagaglio, il nostro percorso, non deve essere visto ovviamente come una "palla al piede". Come qualcosa che ci ancora, che ci rallenta. Il nostro passato deve essere visto come un prezioso bagaglio che ci portiamo dietro, di conoscenze e di esperienze, che devono permetterci di affrontare il futuro con una maturità ed una consapevolezza sempre maggiore.

Innovatori italiani: la Breton SpA

Il primo articolo dedicato agli innovatori vede come protagonista un’azienda italiana, un’azienda della mia regione: la Breton SpA. Sono venuto in contatto con questa realtà veneta in modo del tutto casuale attraverso la figura di Sergio Prior, responsabile della comunicazione e del marketing aziendale.

Breton è un azienda specializzata nella produzione di macchine per la lavorazione della pietra naturale, impianti per la produzione di pietra composita (Bretonstone), e centri di lavoro ad alta velocità per metalli e resine. Nata nel 1963, l’azienda ha saputo diventare un punto di riferimento a livello internazionale del suo settore.

La visita in Breton (per cui ringrazio della calorosa accoglienza non solo Sergio Prior, ma anche la dirigenza dell'azienda stessa) è stata una vera e propria esperienza intrisa contemporaneamente di ricerca, tecnologia, soluzioni industriali ed artigianali.

Una delle caratteristiche principali che mi ha colpito della visita presso gli stabilimenti Breton è stata la visione del futuro che l’azienda possiede. Una visione che passa attraverso un centro di ricerca e sviluppo all’avanguardia e che non si limita solo a sviluppare nuove soluzioni per la pietra composita e la pietra naturale, ma anche per dare vita a nuovi materiali e soluzioni da impiegare nel mondo della meccanica.

Visione rappresentata in modo perfetto dal seguente video, che presenta la capacità di Breton di realizzare macchine in grado di dare vita a vere e proprie opere d'arte.

Una realtà dal respiro internazionale

L’azienda non si rivolge ad un ampio pubblico, e nonostante operi in una nicchia di mercato specifica e si tratti di una realtà dal respiro industriale ha ben presente il valore della comunicazione e del marketing per veicolare il proprio business in tutto il pianeta.

La strategia di marketing dell’azienda ricorre a tutti gli strumenti che oggi il marketing mette a disposizione. Il 2018 è iniziato per l’azienda con la messa online del nuovo sito web istituzionale, ricco di contenuti e che mostra in modo fresco e dinamico come l’azienda sia presente nei social network. Dispone di un'interessante servizio newsletter e cura con grande attenzione la propria immagine sia in azienda che nelle fiere di settore.

Immagine rappresentata non solo dall'architettura davvero a misura d'uomo della sua sede di Castello di Godego, ma anche dal clima azienda e dalla cura delle relazioni tra tutti i suoi membri. Del resto per l'azienda la qualità è al primo posto in ogni aspetto della vita aziendale.

Breton Spa - Francesco BrioWeb Russo Consulente Marketing | Neuromarketing | Coaching | Leadership | Venezia
Breton: quality first

La strategia di marketing di Breton è supportata da contenuti davvero ricchi. Ne sono un esempio i due video che ho inserito in questo articolo. I due video mostrano una delle macchine realizzate da Breton, capace di intagliare un blocco di marmo e lavorarlo. Riuscendo a dare vita ad una scultura di marmo che ritrae una moto Ducati modello Panigale in scala 1 ad 1.

Questi video sintetizzano e mostrano tutte le caratteristiche di un’azienda capace di innovare. Le macchine che Breton realizza sono ovviamente industriali. Ma la produzione di questi macchinari è di fatto artigianale. Parliamo di impianti e macchinari che richiedono anche un anno per essere realizzati dal momento in cui si inizia a progettarle su un foglio di carta fino alla loro messa in moto.

Una progettazione quella di Breton su misura delle esigenze dei clienti. Questo riesce perché la forza dell’azienda sta nell’anima e nel cuore dei suoi uomini. Una "famiglia" che oggi conta quasi 900 dipendenti e che nei prossimi anni ha in previsione di crescere (con l'assunzione di nuovo personale).

Vere e proprie maestranze

Durante la visita agli impianti di produzione ho preso consapevolezza che più che operai, vedevo all’opera delle vere e proprie maestranze. Mentre dagli occhi del mio accompagnatore potevo vedere l’orgoglio di appartenere ad una grande realtà imprenditoriale italiana. Grande non solo per le dimensioni "fisiche" ma per il valore della cultura che genera ogni giorno con il proprio operato.

L’azienda presta molta attenzione a tutto il personale, non solo alle proprie maestranza, ma anche a quello "amministrativo". Negli ultimi anni infatti l’azienda ha investito molto per ottimizzare i flussi di comunicazione tra i differenti reparti, a tal punto che ha sposato la filosofia nata in Toyota grazie all'ingengnere capo responsabile della Prius: espressa dalla parola giapponese "obeya".

In queste pagine più e più volte mi sono soffermato sull’importanza di dare la giusta attenzione non solo all’organizzazione interna dell’azienda, ma al benessere stesso dei dipendenti.

"Breton è un marchio italiano, è un’azienda italiana dedita a fare innovazione. Capace di sfruttare tutte le armi del marketing, dalla promozione del proprio marchio attraverso tutti i canali oggi a disposizione dell’ufficio marketing, inclusa la ricerca scientifica."

Il Made in Italy è un valore in tutto il mondo, un simbolo dell'Italia, e Breton è un esempio perfetto di Made in Italy. Un esempio di creatività, di ricerca e di innovazione coniugati attraverso processi industriali che hanno tutto il valore di quella artigianalità che ha reso e continua a rendere grande il nostro Paese.

Vuoi suggerimenti gratuiti per catturare l'attenzione, chiudere vendite e aumentare la tua influenza?

 

Francesco BrioWeb Russo
E-mail: info@brioweb.eu
Cell. +393383942154
Piazza IV Novembre, n. 22
30030 Cazzago di Pianiga (VE)

Consulente Web
Marketing
Leadership
Coaching

BrioWeb - Brio Side of the Web
Dove Marketing
Psicologia
Mindfulness e
T'ai Chi Ch'üan
si incontrano e si fondono

P.IVA 03853870271 | Informativa sulla Privacy, Cookie e Copyright | Mappa del sito | © 1998 - BrioWeb

P.IVA 03853870271 | Informativa sulla Privacy, Cookie e Copyright | Mappa del sito | © 1998 - BrioWeb