5 consigli per essere più concentrati

14 novembre 2018

  

Sintesi

Spesso ho consigliato in questo blog, per il bene del business e del successo della strategia di marketing, di ricorre alla mindfulness e/o alla meditazione. Non è però necessario arrivare a sedersi nella posizione del loto e meditare. Ecco cinque modi semplici per migliorare la propria consapevolezza al lavoro senza la meditazione.

 

In questo blog mi sono soffermato molto spesso sul tema della mindfulness (leggi ad esempio gli articoli "Il Sig. Marketing e la Mindfulness" e "Perché Google e Intel investono nella mindfulness").

Quando in qualità di consulente di marketing propongo ad un cliente un percorso formativo per migliorare le performance dei dipendenti che include la mindfulness, la prima reazione che ottengo è di titubanza e perplessità. Infatti la prima immagine che viene in mente ai miei clienti è quella di persone sedute nella posizione del loto che meditano.

In realtà è possibile acquisire maggiore consapevolezza e concentrazione senza dover ricorrere alla pratica della meditazione.

Per riuscire in questo è fondamentale prendere atto che ognuno di noi ha la possibilità di scegliere. Abbiamo la possibilità di scegliere di essere più concentrati sulle cose, al fine di vivere una migliore esperienza.
Ecco cinque consigli per raggiungere una migliore consapevolezza, una migliore percezione della nostra vita:

1) Come prima cosa al mattino visualizza la tua giornata

Prima di iniziare la giornata, è importante prendersi un momento per visualizzare in modo chiaro nella nostra mente la pianificazione della giornata. Questa è una delle prime cose da fare al mattino (vedi l'articolo "Organizzare la giornata per il successo").

È fondamentale guardare in modo positivo alla "notevole" quantità di cose che dovremmo fare e stare attenti a non pensare in modo negativo alla riunione che ci attende, al collega con cui non andiamo d'accordo, e così via (leggi a riguardo l'articolo "La mente negativa").
Impostare la propria mente al fine che abbia una sana aspettativa che tutto funzionerà al meglio è fondamentale per avere una buona giornata.

2) Prendi una pausa

Oggi come oggi tutto sembra muoversi in modo vorticoso. Ci sono troppe scadenze, troppe riunioni, e non c'è mai abbastanza tempo (leggi a tal proposito gli articoli "È nata l'economia della distrazione", "Il valore del tempo è relativo" e "Marketing e tempo").

La maggior parte delle persone vive questa quotidianità passando da una cosa all'altra rincorrendo le cose da fare, ed arrivando a fine giornata senza essersi mai fermata a prendersi un momento di pausa.

Infatti le neuroscienze mostrano l'importanza di fare delle brevi pause per mantenerci lucidi (puoi leggere a riguardo l'articolo "Resilienza: ricaricare non resistere").

Pause programmate permettono di evitare di avere una mente affaticata, di aumentare la propria produttività, e ci permettono di mantenere la motivazione per raggiungere i nostri obiettivi.
Fare una pausa non è poi così difficile. Anziché fare la classica pausa alla macchinetta del caffé si può fare una passeggiata di pochi minuti all'aria aperta, alzarsi, spostarsi in un angolo tranquillo ed effettuare dei respiri lenti e profondi per svuotare la testa...

Tutto questo potrebbe apparire una perdita di tempo, ma prendersi cura di se stessi è fondamentale per il raggiungimento di qualsiasi obiettivo, sia esso professionale o personale.

3) Stacca dalla posta elettronica

Gli studi dimostrano che il multitasking è uno dei più grandi killer della nostra energia vitale, e può essere responsabile di una diminuzione della produttività di ben il 40% ( "L'illusione del multitasking" "Libera il potere della tua mente" "Il marketing, twitter e lo sforzo cognitivo" ).

La posta in arrivo costantemente aperta è uno dei principali colpevoli, seguito subito dopo dalle notifiche provenienti dai social (incluso whatsapp). Quando siamo concentrati su un lavoro ed arriva una notifica il nostro flusso di pensieri viene interrotto e siamo portati a leggere l'e-mail appena arrivata.
Tornare a concentrarci sul lavoro che stiamo facendo ci costerà un enorme sforzo cognitivo, senza contare che per ritrovare la concentrazione possono volerci anche 15 minuti (leggi l'articolo "Focalizza la tua attenzione").

Per intervenire su questo tipo di problemi e migliorare la propria produttività è possibile fare questo semplice esperimento. Imposta un timer. Concentrati su un lavoro per 45 minuti lasciando tutti i meccanismi di notifica (incluso il client di posta elettronica) chiusi. Passati i 45 minuti fai una pausa dal tuo lavoro, pausa che sarà costituita dal leggere le notifiche arrivate.

Questo quarto d'ora ti permetterà di gestire le notifiche. Una volta analizzate le notifiche e pianificato come gestirle potrai riprendere con un altro periodo di 45 minuti.

È importante ricordare che la posta elettronica è un canale di comunicazione asincrono, e non è certo adatto per comunicare le emergenze. Chi ha bisogno di una riposta immediata utilizzerà altri strumenti, come il telefono (leggi l'articolo "I gironi dell'inferno del lavoro" e l'articolo "Mancanza di tempo? Forse non metti a fuoco!"). In oltre è fondamentale comprendere che non è possibile monitorare "troppi" canali di comunicazione (salvo non avere un ufficio addetto a questo scopo). Il tentativo di tenere troppi canali di comunicazione aperti implica una notevole quantità di fattori di distrazione.

4) Perdona chi collabora con te

Quando interagiamo con colleghi, superiori o sottoposti, che ci mettono in difficoltà o che creano un clima negativo di lavoro, pensiamo che il lavoro stesso sarebbe molto più facile senza il loro contributo.

La realtà è che ci troveremo sempre con persone con le quali ci relazioneremo e che ci metteranno in difficoltà. Quindi se già prima di iniziare la giornata pensiamo che relazionarci con un determinato cliente o collega sarà un'esperienza negativa, ci saranno buone probabilità che non riusciremo ad avere un'interazione positiva.
Per riuscire ad affrontare in modo positivo anche quelle situazioni che non ci aggradano, possiamo pensare a tutte quelle volte in cui siamo stati noi ad assumere un comportamento che ha infastidito i nostri colleghi.

In sintesi dobbiamo riuscire a gestire le situazioni negative per impedire che lo stress, la frustrazione e la rabbia ci influenzino (leggi a riguardo l'articolo "Stress? Si Grazie!").
Per riuscire in questo dobbiamo pensare a quanto sia più importante vivere un'esperienza positiva che una negativa per la propria produttività. La frustrazione e la rabbia non sono certo dei buoni alleati.

5) Ringrazia

Ogni qual volta abbiamo bisogno di una buona dose di positività, possiamo semplicemente fare la scelta di focalizzare la nostra attenzione su tutte le cose positive della nostra vita, e ne dobbiamo essere grati.
Ringraziare per tutto ciò che si ha, per tutte le cose che vanno bene, aiuta a guardare in modo positivo alla nostra vita e interviene sulla spirale negativa che la nostra mente in cui ama tanto spingerci (letti l'articolo "Marketing, Pigmalione e Galatea").

Non importa quanto buio abbiamo attorno. La ricerca scientifica ha dimostrato che le persone che quotidianamente ringraziano per quello che hanno, inducono dei cambiamenti al cervello nel corso del tempo.

La vita si muove abbastanza veloce a volte. Se non ti fermi e ti guardi attorno ogni tanto, la vita stessa ti mancherà. Fermarsi a ringraziare, guardare attorno tutto quello che abbiamo di bello, e percepire che la nostra vita ha un senso è davvero importante.

Vuoi suggerimenti gratuiti per catturare l'attenzione, chiudere vendite e aumentare la tua influenza?

 

BrioWeb
E-mail: info@brioweb.eu
Centralino 3515550381
Piazza IV Novembre, n. 22
30030 Cazzago di Pianiga (VE)

Consulenze
Marketing
Leadership
Coaching

Tutti comunicano, comunicare non è da tutti
Dove Marketing
Psicologia
Mindfulness e
T'ai Chi Ch'üan
si incontrano e si fondono

P.IVA 03853870271 | Informativa sulla Privacy, Cookie e Copyright | Mappa del sito | © 1999 - BrioWeb

P.IVA 03853870271 | Informativa sulla Privacy, Cookie e Copyright | Mappa del sito | © 1999 - BrioWeb